Primi piatti

I primi piatti si classificano in:

Minestre

Primi asciutti

Risotti

Gnocchi

Crêpe

Altri primi

Le minestre

Di solito sono piatti che appartengono alla cucina “povera” della nostra tradizione.
Si classifica in base alla consistenza e agli ingredienti in:
– Creme: Minestre a base di verdure, legate con amidi, si completano con burro o panna liquida
– Vellutate: Minestre che hanno come base un fondo bianco e vengono legate con un roux. Si completano aggiungendo oltre all’ingrediente principale, burro, panna e tuorli
– Passati: Ottenuti da verdure o legumi passati. Si completa la cottura con burro e/o panna
– Minestrone: Sono composti da vari ortaggi cotti lentamente in acqua. Alcune ricette prevedono l’aggiunta di pane, pasta o riso
– Zuppe: Generalmente sono a base di un solo ingrediente (ortaggio o legume), possono essere completate con crostini di pane.
Alcuni esempi:

Crema Parmantier

Vellutata di pollo

Minestrone

Passato di verdure

Zuppa di cipolle

Primi piatti asciutti

I primi asciutti hanno come ingrediente principale la pasta.
La prima classificazione che abbiamo è:
– Pasta secca: a base di semola di grano duro (è permesso l’uso del grano tenero fino a un massimo del 3%)
– Pasta fresca: può essere all’uovo o a base di acqua e farina; si può utilizzare sia il grano tenero che la semola
– Paste speciali: sono le paste ripiene o con l’aggiunta di un particolare ingrediente nell’impasto (pomodoro, spinaci, zafferano)
– Paste dietetiche: sono le paste indicate per particolari tipi di regimi alimentari (per celiaci).

Pasta secca

Pasta fresca

Paste speciali

Paste dietetiche

Un altro modo di classificare la pasta è in base alla forma:
– Pasta minuta
– Pasta corta
– Pasta lunga

Pasta minuta

Pasta corta

Pasta lunga

Riso

Il Riso è uno dei cereali più versatili in cucina, è utilizzato per zuppe, minestre, insalate, sformati e molti dolci (frittelle e budini).

Alcuni primi a base di riso

Minestrone alla milanese

Arancini di riso

Insalata di riso

Risotto al taleggio

Gnocchi

Sono preparazioni molto diffuse nella cucina tipica italiana. I più comuni sono gli gnocchi di patate, ma possono essere preparati anche con altri ingredienti.

Gnocchi di patate

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

-Si preparano con patate a pasta bianca, più farinose e ricche di amido.
-Cuocere le patate al microonde o al vapore per evitare che assorbano troppa acqua.
-Non utilizzare troppo farina nell’impasto (max 25% dell’impasto della farina).

Gnocchi alla romana

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

-Piatto tipico della cucina povera romana;
-Sono a base di semolino;
-Vengo gratinati in forno.

Gnocchi di acqua e farina

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

– Sono tipici delle regioni del sud Italia, si preparano sono con acqua e farina e possono avere forme diverse in base alla tradizione del posto.

Gnocchi alla parigina

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

-Hanno come base la pasta choux;
-Vengono cotti in acqua bollente;
-Di solito si servono con la salsa Mornay.

Gnudi

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

-Piatto tipico toscano, della zona di Siena e Grosseto;
-Sono composti da spinaci e ricotta;
-Vengono chiamati “gnudi” perché non hanno nessun rivestimento esterno.

Gnocchi di ricotta

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

-Piatto tipico delle zone di montagna;
-Hanno come unico ingrediente la ricotta.

Malloreddus

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

-Sono una via di mezzo tra gli gnocchi e la pasta;
-Sono panciuti e a forma di conchiglia;
-Si preparano impastando semola e acqua;
-Il condimento prevede salsiccia sarda, pomodoro, zafferano e pecorino.

Spatzle

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

-Sono piccoli, di forma irregolare e di solito tagliati a mano;
-L’impasto è realizzato con farina di frumento o integrale, acqua, uova e con aggiunta di spinaci, erbette e ricotta.
-Possono essere accompagnati con speck, formaggio fuso;
-Sono serviti sia come primo che come contorno.

Canederli

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

-Sono tipici del Trentino Alto Adige;
-Sono composti da pane raffermo, uova, latte, cipolla, prezzemolo e erba cipollina, possono essere arricchiti anche da speck e formaggio.
-Di solito sono serviti in brodo di carne, oppure con burro fuso e formaggio;
-Sono serviti sia come primo che come contorno.

Crêpe

Sono delle sfoglie sottili ottenute con una pastella di latte, farina e uova, cotte nella padella antiaderente.
Possono essere farcite con diversi ingredienti e chiuse a fagottino, a fazzoletto o a arrotolato.

Alcuni esempi

Altri primi piatti

La polenta

—È un piatto della tradizionale italiana dalle origini molto antiche che si realizza con la farina di cereali.
—Si prepara in diverse zone del nostro paese con modalità diverse, soprattutto in Veneto e in Lombardia
—Con il mais si ottiene una polenta gialla a grana fine oppure più grossolana a seconda del tipo di macinatura.
—La polenta può avere la stessa funzione del pane e viene servita calda assieme a carne, pesce o formaggi.

Varietà di farine di mais

Bramata

È una polenta rustica, dura e macinata a grana grossa, ideale per la polenta

Fioretto

Polenta più fine della bramata, usata per prodotti da forno e pane

Fumetto

Polenta a grana molto fine fine, ideale per i dolci.

Integrale

Tipo di polenta che è stata solo macinata ma non è stata setacciata, contiene la crusca.

Tostata

Farina di mais dalla grana più grossa ottima per impanare.

Diverse tipologie di polenta

Bianca

Si fa con la farina di mais biancoperla, tipica di Venezia, Padova e Treviso.

Gialla

È la polenta classica e più utilizzata.

Integrale

Polenta tipica nella zona del Trentino.

Precotta

È la polenta istantanea.

Saracena

È la polenta fatta con il grano saraceno.

Taragna

È una miscela di grano saraceno e polenta gialla.

Preparazioni a base di polenta

Per saperne di più…
I Cereali
Il Riso
La Celiachia
Gli allergeni

print